Responsive Ad Area

Condividi

Elezioni regionali

#DiventeràBellissima, Energie per l’Italia a Gela con Nello Musumeci

Siamo stati a Gela, in Sicilia, con Stefano Parisi e il candidato alla guida della Regione alle prossime elezioni, Nello Musumeci. Un incontro a cui hanno partecipato centinaia di persone e in cui si è discusso dei progetti e dei programmi su cui sta lavorando il Centrodestra per l'Isola.

"Gela sta pagando gli errori di un modello di sviluppo sbagliato, inseguito molti decenni fa. Sapevamo che questo tipo di industrializzazione avrebbe portato bassissima manodopera e un alto livello di inquinamento," ha detto Musumeci parlando di temi strategici come lo sviluppo e l'ambiente. "Sui dati relativi all'inquinamento, non solo qui, ma anche nel milazzese e nel siracusano, non ci sono dati certi perché c'è stata, finora, tanta omertà. Qui abbiamo il dovere di capire come questo processo di riconversione industriale possa essere sostenuto, soprattutto col governo centrale, mantenendo però gli stessi livelli occupazionali".

Nel suo intervento, il leader di Energie per l'Italia, Stefano Parisi, ha detto che "il centrodestra può vincere le prossime elezioni in Sicilia" e "andare al governo della Regione", assumendosi una "grandissima responsabilità verso l'Isola e il resto del Paese". Responsabilità che bisognerà affrontare insieme a enormi problemi "con la forza di un programma drastico, chiaro, lungimirante, realizzato da persone integre e capaci, determinate e forti".

Il nuovo governo dell'isola "dovrà affrontare innanzitutto la gravissima situazione del Bilancio della Regione Sicilia. Le risorse assorbite dall'inefficiente apparato burocratico devono essere liberate per andare ad affrontare il problema del debito, ridurre la pressione fiscale, rendere efficace il sistema sanitario e assistenziale, avviare un grande progetto infrastrutturale". Secondo Parisi la "nuova politica regionale deve individuare nel turismo, nell'agroindustria e nel risanamento urbano e infrastrutturale le grandi missioni per il futuro della Regione".

"Il peso burocratico e l'incertezza del quadro normativo e regolamentare respingono gli investitori. E' necessario orientare tutta l'azione di Governo nella direzione di creare le condizioni di attrazione degli investimenti nei settori a cui la Sicilia oggi è vocata. Solo così si potrò creare lavoro. Per i giovani e per i tantissimi che in questi drammatici anni lo hanno perso".

Parisi ha anche spiegato come affrontare i problemi legati alla criminalità, riducendo in modo drastico il perimetro di attività dell'amministrazione pubblica e selezionando in modo inequivocabile il proprio personale. Come affrontare il tema della sicurezza e offrire protezione e serenità ai cittadini. "Il nostro contributo - ha concluso il leader di Energie per l'Italia - continuerà in modo chiaro e determinato a perseguire questi obiettivi non solo durante la campagna elettorale, ma durante i prossimi cinque anni della vita della Regione".

Condividi

Scrivi un commento

Diventa il primo a commentare!!

wpDiscuz

Password dimenticata

Registrati