Responsive Ad Area

Condividi

Sicurezza

Terrorismo islamico e radicalismo

Terrorismo islamico e radicalismo sono una minaccia per la sicurezza.

Gli attacchi del terrorismo islamico di Berlino, Parigi, Bruxelles, e altri ancora, sommano paura alla paura e mettono in crisi le istituzioni, nazionali ed europee: Italia inclusa.

In primo luogo dobbiamo considerare il terrorismo per quello che è: “terrorismo islamico” che sfrutta la religione come giustificazione e lo fa attraverso una visione radicale dell'Islam. Tale visione deve essere in primo luogo rifiutata pubblicalmente e formalmente dalle comunità di musulmani in Italia e in Europa.

Dobbiamo poi concentrarci su una soluzione che parta dalle sue cause e non limitarci a reagire agli attacchi: è una minaccia diretta alla nostra sicurezza che si alimenta di conflittualità sul piano sociale europeo e paga gli effetti delle crisi internazionali dell'area mediorientale, compresa la Libia da dove partono centinaia di migliaia di migranti, tra i quali potenziali soggetti radicalizzati e terroristi. E noi su questi due piani dobbiamo agire.

A livello sociale dobbiamo essere in grado di intercettare tutte quelle forme di malessere e devianza che poi sfociano in violenza estrema. E questo lo possiamo fare con una strategia di inclusione e dialogo, con attività investigative e di intelligence, e dando alle Forze di Polizia gli strumenti e le giuste tutele per poter svolgere il loro lavoro.

A questo deve seguire un'inflessibile applicazione delle leggi che già ci sono, integrate da un'adeguata normativa di anti-terrorismo e anti-radicalizzazione che dovrà essere applicata con coraggio e determinazione.

Inoltre, a differenza di chi a sinistra guarda con favore all'islamismo politico fondamentalista, dobbiamo fare terra bruciata attorno ai gruppi radicali emarginandoli. In particolare le associazioni islamiche vicine ai Fratelli Musulmani” che sono l’anticamera dei terroristi dell’ISIS; e questo lo hanno capito molti paesi arabi e musulmani, come gli Emirati Arabi, l’Egitto, l’Arabia Saudita – tra i tanti – che li hanno dichiarato illegali. E se lo hanno fatto loro, che ben conoscono il rischio dell’islamismo politico fondamentalista, perché dovremmo accettare di avere tra di noi gruppi che giustificano, quando non lo esaltano, il terrorismo e le sue manifestazioni di violenza?

Per combattere il terrorismo islamico dobbiamo prima sconfiggere il radicalismo, di cui il terrorismo è conseguenza. Questo lo potremo fare solo tagliando le radici di quell’islamismo politico. E parallelamente utilizzeremo tutti gli strumenti delle relazioni internazionali, attraverso una politica estera e di cooperazione che sia pro-attiva, così da contribuire alla stabilizzazione di quelle aree di crisi a noi vicine, dove il terrorismo islamico si sviluppa.

Condividi

Foto del profilo di Claudio Bertolotti
Analista strategico, docente di "Analisi d'Area", esperto di Difesa-Sicurezza. Già capo-sezione Contro-Intelligence e Sicurezza della NATO in Afghanistan, si occupa di aree di crisi, interesse strategico nazionale, dialogo interculturale, internazionalizzazione e, in particolare, di flussi migratori, terrorismo, conflittualità e dinamiche sociali del Medioriente e del Nord Africa. Collabora con Università e con importanti think tank e centri istituzionali e privati, italiani e stranieri, in qualità di esperto in Conflict, Security e State Building. Ha sviluppato il seminario di “Cultural awareness” a favore dei contingenti militari in operazioni dal 2009 al 2016, ed ha operato e opera come SME (Subject Matter Expert) per organizzazioni governative e la NATO, in particolare il Centro di Eccellenza NATO “Human intelligence” contribuendo allo sviluppo della linea guida sugli aspetti umani dell’ambiente operativo. Ha scritto oltre 150 tra libri, saggi e articoli in tema di sicurezza e terrorismo. È laureato in Storia contemporanea, specializzato in Sociologia dell’Islam e dottore di ricerca in Sociologia e Scienza Politica, indirizzo Relazioni Internazionali. Infine, da buon Alpino, è appassionato di sci alpinismo.

Scrivi un commento

Diventa il primo a commentare!!

wpDiscuz

Password dimenticata

Registrati