Responsive Ad Area

sviluppo

Cosa frena lo sviluppo dell'economia

Ma che idea ha dello sviluppo Di Maio? Il ministro si concentra unicamente sul contratto di lavoro per i servizi di consegna a domicilio ma non affronta in modo serio, strutturato e razionale i grandi cambiamenti che stanno investendo il nostro mercato del lavoro. Di Maio si scandalizza per la paga dei fattorini ma non dice nulla su come creare le condizioni utili ai giovani e a chi fa impresa per creare anche da noi quelle start up destinate ad assumere i “riders”. Il tema vero è l’idea di sviluppo che abbiamo per il nostro Paese e che i grillini purtroppo non hanno. Dobbiamo puntare sul terziario avanzato, sulle start up, sugli investimenti – come scrive Enrico Moretti nel suo bel saggio sulla ‘nuova geografia del lavoro’ – invece di concentrarci unica...

“Aiutiamoli a casa loro”: riformare l'UE e trasformare un problema in una grande opportunità

di Roberto Peel *su Open_Esteri gli articoli dei partecipanti del gruppo Esteri di Energie per l’Italia. Segui il dibattito.* Nell’immaginario collettivo l’Africa è luogo di povertà, teatro di guerre e punto di partenza di immgrazione verso l’Europa. Inoltre l’Africa , usualmente considerato nelle sue fattezze continentali piuttosto che nelle singolarità dei paesi che la compongono, viene usata come terra da cui estrarre risorse naturali a basso costo a volte senza considerare gli effetti collaterali di tali attività nel lungo periodo. In effetti, gli stati che si affacciano sul bacino del Mediterraneo e quelli dell’Africa sub-sahariana si caratterizzano per instabilità, spesso regimi autocratici e corrotti, con relativa esclusione di buona parte della p...

Dieci proposte per lo sviluppo

Lo sviluppo è la nostra priorità e la nostra ossessione. Senza sviluppo, tutto è più difficile: aiutare i più deboli, abbattere posizioni di rendita, battere i pugni per cause meritevoli sui tavoli di Bruxelles, proteggere l’ambiente, investire in sicurezza e in infrastrutture, gestire l’integrazione degli immigrati. Queste sono, in sintesi, dieci proposte che i gruppi di lavoro di Energie PER l’Italia hanno elaborato, negli scorsi mesi, per riattivare lo sviluppo del nostro Paese. 1) Riduzione della spesa pubblica di almeno 5 punti percentuali rispetto al Pil, da attuare attraverso la completa digitalizzazione orizzontale della PA, tagli dei sussidi alle imprese​, dei consumi intermedi​ e della spesa per personale​ della PA​, esclusione delle persone ad alto reddito dall...

Password dimenticata

Registrati