Responsive Ad Area

migranti

L’ACCOGLIENZA DEI MIGRANTI E’ LEGGE NATURALE

Le opinioni e le visioni contrapposte sul tema dei migranti continuano ad essere protagoniste nella discussione politica e conseguentemente dell’opinione pubblica .Le radici cristiane del nostro paese ma anche quelle dell’Europa devono richiamare all’insegnamento della Chiesa , molto semplice e legato al messaggio del Vangelo : ” Ero forestiero e mi avete ospitato ” (Matteo, 25) il tema è che ultimamente molti cristiani e molti cattolici hanno una lettura tutta loro di questo passo legata ad una logica di difesa dei confini e difesa dei diritti della italianità . E’ utile interrogarsi su quali elementi possono sostenere l’azione dei cristiani in situazioni complesse come è il tema dei migranti. E’ necessario capire cosa si intende per etico per un cristiano e se esi...

Libia e Mediterraneo: siamo pronti a difendere l'interesse nazionale dell'Italia

Dall’intervista a Claudio Bertolotti di Vanessa Tomassini per “Notizie Geopolitiche” del 10 ottobre 2017 Il principale tema di interesse e discussione tra i paesi dell’area mediterranea, e in particolare quelli europei, è ormai da tempo il fenomeno dei flussi migratori che va inteso non come emergenza a breve termine, un approccio ormai fuori discussione, bensì come fenomeno strutturale di portata continentale e di lungo periodo e le cui cause sono molteplici, e tra queste certamente quella dei cambiamenti climatici. Un fenomeno all’interno del quale va ad inserirsi, con crescente preoccupazione, quello dell’immigrazione clandestina che dal continente africano si sposta verso l’Europa e l’Italia, attraverso l’area del Nord Africa, pur non dimenticando la massa migra...

Migranti: a Tallin l'Europa è unita contro un'Italia irresponsabile

Bocciata dall’opinione pubblica italiana e dall’elettorato chiamato ad esprimersi alle recenti elezioni amministrative, la politica per l’ immigrazione attuata dal Partito Democratico, quella delle “porte aperte” a chiunque intenda sbarcare illegalmente in Italia, è stata bocciata anche dai paesi dell’Unione Europea. Dopo Francia, Spagna e Germania, anche Olanda e Belgio bocciano senza possibilità di appello la proposta italiana di accogliere più migranti economici provenienti dall’Africa. Una bocciatura confermata dalla posizione del commissario europeo per l’Immigrazione Dimitris Avramopoulos. L’Europa e i suoi governi nazionali hanno così deciso di chiudere le porte a un’Italia rea di incentivare un flusso migratorio incontroll...

I migranti che non vogliamo: arrivano o andiamo a prenderli?

di Claudio Bertolotti – da L’Indro del 29 giugno Della questione emergenza migranti ne scrivo da anni; nel 2016 ne parlavo su “L’Indro – L’approfondimento quotidiano indipendente“, anticipando lo scenario di crisi che oggi si impone in tutta la sua gravità. Il 2016 è l’anno del record assoluto di migranti giunti in Italia e già potevamo prevedere che il 2017  sarebbe stato peggio, e così per gli anni successivi, dal momento che nei prossimi 30 anni è previsto che i flussi migratori spingeranno oltre 250milioni di persone a lasciare i propri luoghi di origine. Secondo i dati forniti ieri dal Ministero degli Interni, sono 76.873 i migranti sbarcati dall’inizio del 2017 sulle coste italiane, con un aumento del 13,43% rispetto allo stesso periodo del 2...

Contrasto ai flussi migratori clandestini e ruolo delle ONG. I corridoi umanitari utile strumento

Ho la convinta certezza che la questione migranti vada affrontata nella sua complessità, non limitandosi a gestire – quando va bene – il recupero in mare o lo sbarco: queste sono le fasi finali di un lungo percorso che noi dobbiamo contribuire a contenere, sulla base delle nostre esigenze e nel rispetto del diritto internazionale, e gestire con il buon senso: urlare per amplificare i problemi non serve, è necessario proporre e adottare soluzioni concrete. Neppure dobbiamo lasciare che soggetti privati fuori controllo, come le organizzazioni non governative (ONG), agiscano a scapito e in deroga alla legge nazionale sull’immigrazione. In primo luogo dobbiamo essere consapevoli che quello che stiamo affrontando noi oggi, con grande sforzo, non è un’emergenza, bensì un fenomeno str...

Password dimenticata

Registrati