Responsive Ad Area

liberalismo

Dateci la carica!!!

Riaccendere le nostre lampadine? Si può. Se ognuno di noi farà la sua parte. Energie PER l’Italia è finanziata esclusivamente da chi sceglie di aderire al nostro Partito o di fare una donazione. Così conserviamo la nostra indipendenza. Così riusciremo a sostenere le nostre attività sui territori. Così riusciremo a sostenere le attività del nostro Team Digitale. Così saremo liberi di fare politica. Così costruiremo la nuova casa liberale e popolare. Per una Italia più ricca, più sicura di sé e della sua forza. Un’Italia europea, atlantica, occidentale. Aderisci a Energie PER l’Italia! Clicca qui se vuoi aderire Fai una donazione! Clicca qui se vuoi fare una donazione Ora tocca a te.

La libertà della persona: come il liberalismo può diventare popolare

Se da un lato le libertà degli individui ‘positive’ (di fare) e ‘negative’ (di non avere interferenze nel fare) costituiscono, nei limiti della legge, il caposaldo di una società liberale – che nella Costituzione americana di John D. Rockfeller trovano piena sintesi nella realizzazione dell’individuo attraverso la soddisfazione dei suoi bisogni e desideri e nella cosiddetta ‘pursuit of happiness’ – ritengo che una politica liberale e popolare debba rispondere a bisogni ben più alti, importanti e concreti per ognuno di noi. Credo che sia la libertà di ognuno di noi, cattolico per chi lo è, di scegliere di essere attore politico e di scegliere come cambiare in meglio una società e uno Stato che purtroppo non sono più in grado di rispondere ai bisogni economici (4.7 milioni di poveri in Itali...

Proposta per una cultura critica

Il mondo in cui ci troviamo a vivere oggi è assai arretrato perché arretrata è la politica culturale proposta, sebbene spesso sia completamente assente. Personalmente credo, infatti, che soltanto attivando una politica culturale seria e lungimirante, volta all’apertura del mondo della cultura anche al mondo dei privati, si possa riuscire a proporre sempre più qualità e meno mediocrità, sempre più bellezza e meno immondizia, sempre più cultura e meno ignoranza.Fare cultura significa porre le basi per l’accrescimento sociale basato su di una popolazione sapiente e cosciente, capace di prendere decisioni e soprattutto di saper scegliere. Il Mondo di oggi è in continua evoluzione e non sempre questo significa fare un passo avanti verso “l’umanizzazione” dello stesso, anzi spesso significa alim...

Dalla Francia una speranza per l'Italia (forse!)

Emmanuel Macron ha vinto (per ora) facile. Oltre Le Pen il nulla, zero avversari: i socialisti alla sfascio per l’infausta reggenza di Hollande non erano nelle condizioni di minacciarlo (Hamon della gauche todos caballeros è un vecchio arnese della sinistra mangiapreti molto simile ai nostrani “grilletti”, mentre Mélenchon ha solo stupito con gli effetti speciali, vedi i comizi in simultanea via ologrammi), mentre i gollisti avevano preferito affidarsi al rappresentante di una destra fuori tempo massimo, quel Fillon bloccato in partenza per via giudiziaria per gli incarichi ministeriali dei propri famigli (moglie e figlia. Ma se i gollisti avessero evitato le infauste primarie e mandato avanti d’imperio Juppé, attuale sindaco di Bordeaux, sarebbe forse andata in mod...

Identità di popolo e progetto politico

Un Paese che dimentica la sua storia, oscurando le proprie radici culturali, e si apre così tanto alla diversità da perdere se stesso non è in grado di costruire una politica di largo respiro per il futuro dei suoi figli. Perde infatti la sua identità, o se tale identità era già debole come nel caso dell’Italia, rischia di non riconoscere più le sue origini. Delineare un progetto politico di durata almeno trentennale è oggi una priorità per il nostro Paese e nell’approssimarsi della scadenza elettorale i cittadini dovrebbero essere chiamati a dare il loro consenso a un programma che, di coalizione o meno, sia chiaro e preciso sul come e verso dove si intende indirizzare il Paese, precisando conseguenze e prevedendo i possibili risultati delle scelte del nuovo governo. Gli eletti avranno la...

Verso un manifesto del Liberalismo Popolare

Nel mondo occidentale la libertà non è solo una parola e neppure una teoria, è una specie di “istinto” che appartiene a ciascun individuo come parte del suo DNA. L’Italia appartiene alla civiltà occidentale e la sua cultura ne è parte fondante. L’istinto della libertà non è mai morto nel popolo italiano: si è espresso al massimo nell’Umanesimo rinascimentale collocando l’Uomo al centro dell’universo, “artefice del proprio destino”; è sopravvissuto  allo scientismo illuminista, all’ideologia marxiana e al tecnicismo odierno. E  l’esigenza di maggiori libertà riemerge oggi con molta forza dal popolo italiano: libertà di esprimere e scrivere  le proprie opinioni senza essere tacitati dal conformismo del politically correct; libertà dallo strapotere dello Stato, della pubblica amministrazione,...

Password dimenticata

Registrati