Responsive Ad Area

Lavoro

Quella innovazione che manca alle politiche per la immigrazione

Il IX Rapporto sugli stranieri nel mercato del lavoro in Italia realizzato dal Ministero del lavoro e delle Politiche sociali rappresenta una scadenza importante per la finalità di aggiornare la lettura dei flussi migratori in Italia e le caratteristiche della presenza degli immigrati nel nostro mercato del lavoro. Il rapporto viene elaborato sulla base dei dati provenienti da 7 fonti statistiche nazionali e internazionali, che consentono di valutare, con delle comparazioni tra le tendenze in atto nei paesi sviluppati, le evoluzioni demografiche, della popolazione attiva, degli indicatori di reddito e di sostenibilità sociale della popolazione immigrata residente in Italia, nella doppia fattispecie dei cittadini provenienti da altri Paesi aderenti alla UE ed extracomunitari. Un approfondim...

Quella coesione sociale che serve all’Italia per tornare grande

Gli italiani hanno voglia di innovazione, ambiente, sicurezza. La ricerca realizzata da La Stampa racconta un’altra Italia. È il Paese forte, con grandi qualità umanitarie, imprenditoriali, scientifiche, culturali, artistiche, paesaggistiche, che conosciamo e che può e deve tornare grande. Ci riusciremo solo se saremo uniti nelle sfide che abbiamo di fronte, se ci sarà una vera coesione sociale. Abbiamo bisogno di famiglie unite, comunità attive, nella società, negli uffici pubblici, nelle aziende, nei quartieri. Abbiamo bisogno di battere il rancore, l’ipocrisia, l’invidia, l’odio sociale, il conflitto. Queste sono le cose di cui si nutre la politica di oggi, senza visione, e la comunicazione senza ambizioni. L’analisi di Community Group mostra che gli italiani, i tanti italia...

PER l'Italia: il lavoro del futuro

Discuteremo presto il nostro programma di governo PER l’Italia in due grandi eventi organizzati il prossimo 25 e 26 novembre alla Reggia di Portici, a Napoli, e il 2 e 3 dicembre al Teatro Franco Parenti di Milano. Due appuntamenti decisivi per la vita del nostro movimento. Oggi parliamo di lavoro. Aspettiamo di sapere cosa ne pensate e vi chiediamo di condividere il programma di EPI sui social, Facebook e Twitter Sono quasi cinquant’anni che il dibattito italiano sul lavoro ruota intorno al tema dello Statuto dei lavoratori, ma nel frattempo il mondo del lavoro è cambiato. Sono cambiati i lavoratori, il loro modo di lavorare, le loro esigenze di vita. È cambiato tutto, nel mondo del lavoro, e nel frattempo l’Italia è diventato il peggior Paese europeo per il divario salari-pro...

Il lavoro che cambia: la centralità delle competenze

Il complesso rapporto tra progresso tecnologico e lavoro, è antico quanto l’uomo. Dall’invenzione della ruota, alle varie rivoluzioni industriali che si sono succedute nel tempo, le attività lavorative hanno subito trasformazioni continue. La quarta rivoluzione industriale (ormai entrata in ogni processo lavorativo) ha imposto una accelerazione dei processi di automazione derivanti dalle tecnologie digitali, determinando una crescente perdita di attività lavorative tradizionali con pesanti conseguenze sociali. In altre parole, l’economia digitale sta cambiando tutto: i prodotti; i processi aziendali; i consumatori; i luoghi in cui si produce e consuma; il lavoro. Gli innovatori militanti sostengono che ci troviamo di fronte ad una disruptive innovation, una transizione più o meno lunga ver...

Con Musumeci in Sicilia!

Ecco l’intervista a Stefano Parisi apparsa su “il dubbio” sabato 9 settembre «Giusta la scelta di Musumeci. Con lui in Sicilia vinciamo» Stefano Parisi e Giovanni Negri hanno presentato mercoledì scorso a Milano l’alleanza programmatica Energie per l’Italia e La Marianna Energie per l’Italia e La Marianna si alleano. I movimenti fondati da Stefano Parisi e da Giovanni Negri hanno presentato mercoledì scorso a Milano la loro alleanza programmatica. L’ex generale dei Carabinieri Mario Mori è stato nominato responsabile del programma del movimento dell’ex candidato sindaco di Milano. Negri si occuperà dello sviluppo rurale. Dottor Parisi, Energie per l’Italia sta crescendo sul territorio? Energie per l’Italia, oltre che dai programmi, vuole partire proprio dai territori. Il ...

L'efficienza della pubblica amministrazione e gli standard europei

Le differenze negli standard di sicurezza sociale, di salario minimo, di previdenza, etc. sono e saranno ancora per lungo tempo legati alle amministrazioni nazionali, alla loro efficacia ed efficienza ed ovviamente al livello di ricchezza disponibile in un paese. Com’è successo nei primi 60 anni dell’Europa Unita, questi standard convergeranno quando le economie dei vari paesi raggiungeranno gradi di sviluppo omogeno, cosa resa possibile certamente da un mercato davvero unico ed integrato. Per ora abbiamo infatti già la possibilità di andare a cercare miglior salario in un altro Stato della UE, che tanti giovani e meno giovani sfruttano. Credo sia prematuro imporre degli standard centralmente. Quello che si deve fare invece è sicuramente mettere pressione sulle pubbliche ammini...

Cultura, lavoro, sistema televisivo e istituti italiani di cultura all'estero

Censimento ed emersione di spazi con potenziali per utilizzo culturale La provincia italiana è piena di piccoli tesori, teatrini poco utilizzati o da ristrutturare, fabbriche abbandonate da riconvertire, auditorium mai aperti, sale cinematografiche chiuse, scuole abbandonate. Tutto questo patrimonio può essere catalogato e utilizzato creando lavoro e servizi per nuovi spazi di formazione, commercializzazione, scambi, aggregazione, sperimentazione. Questo al fine di creare un visibile fermento creativo e un dinamico risveglio culturale in settori diversi, coordinati tra di loro: musica, design, pittura, multimedia, teatro, cinema, scienza. Nuova politica servizio pubblico Rai A questa “rivoluzione” si deve aggiungere un nuovo e totale utilizzo di una rete Rai che rappresenterà d...

La scienza e la società

Tutto il XX secolo si è concentrato nell’applicazione dell’Illuminismo e dello scientismo al sociale. L’idea che la ragione e la scienza potessero essere applicate ai problemi della convivenza sociale ha percorso l’intero secolo , culminando nelle socialdemocrazie e nell’idea di Welfare State. Nei secoli precedenti la scienza era applicata esclusivamente ai fenomeni fisici ed il governo si interessava solo alle condizioni materiali del popolo. Il XX secolo ha prodotto un corpo solido, esteso e spesso anche efficace di teorie e di pratiche, applicate al sociale. Psicologia, sociologia, pedagogia (le scienza sociali) hanno reso la vita e la convivenza umana progressivamente migliori. Un secolo di scienze sociali ha registrato teorie e confutazioni, dibattiti e c...

I vantaggi del CETA

Il CETA, acronimo di Comprehensive Economic and Trade Agreement, è il trattato di libero scambio tra il Canada e l‘Unione Europea. In Italia i partiti “sovranisti/lepenisti”, insieme al Movimento 5 Stelle, si sono dichiarati contrari a questo importante accordo commerciale. Qui di seguito capiremo perché è da pazzi essere contro questo accordo e, più in generale, auspicare nel nostro Paese politiche protezionistiche. 1. Maggiore Crescita e maggiori posti di lavoro Come già accaduto con altri accordi di libero scambio – es. accordo con Corea del Sud – ci potrebbe essere un aumento delle esportazioni di beni e servizi. Inoltre, è stato stimato che ogni miliardo di euro nelle esportazioni sostiene il lavoro di 14’000 dipendenti. 2. Condizioni agevolate per ...

La deriva kafkiana che distrugge l’economia

La crisi che ha colpito l’Italia non è un fenomeno degli ultimi anni. È l’epilogo di una deriva disastrosa imboccata dai tardi anni Sessanta. Invece di rafforzare le conquiste del miracolo economico postbellico e compiere il salto di qualità verso un’economia di mercato avanzata, si virò verso la jugoslavizzazione dell’industria attraverso l’espansione del ruolo pubblico, la burocratizzazione pervasiva della società, la sindacalizzazione selvaggia del mercato del lavoro e della pubblica amministrazione. A partire da quegli anni si diffuse il clima pertinacemente ostile all’iniziativa privata che in Italia rende arduo lanciare progetti imprenditoriali, fare innovazione, competere nei mercati globalizzati. Quella cultura retriva ha generato una nefasta stratificazione di regole, leggi e decr...

Brianza: le piccole e medie imprese vincono la partita dell’export

Lecco, 23 maggio 2917 – In una settimana di luci e di ombre per il Paese, il nostro spicchio di Brianza si rivela sempre un interessante luogo di osservazione. Da un lato sono arrivati i dati relativi al record di esportazioni italiane, con punte ancor più evidenti in alcune regioni e settori merceologici, ma con una sostanziale omogeneità che ben testimonia quanto l’Italia non sia forte solo in prodotti di moda ed alimentari ma, anzi, consolida la sua leadership mondiale nel manifatturiero in senso ampio (macchinari, metallurgia, medicale…). Dall’altro lato abbiamo potuto leggere le statistiche sul mondo del lavoro, relative a disoccupazione giovanile e trasformazione dell’occupazione: numeri che disegnano un Paese dove fatica a crescere il tasso di occupazio...

  • 1
  • 2

Password dimenticata

Registrati