Responsive Ad Area

giustizia

Parisi: Liberiamo la Giustizia dal derby tra manettari e berlusconiani

Stefano Parisi non coltiva rancori. «La stagione del berlusconismo va superata», dice. Ma non paria da esule della galassia che orbita attorno al Cavaliere. Ne fa un punto di evoluzione culturale. «Dobbiamo deberlusconizzare una cosa su tutte: il dibattito sulla giustizia. Passare dall’opposizione tra giustizialisti e garantisti alla rappresentazione corretta, presso l’opinione pubblica, delle vere disfunzioni del sistema giudiziario, delle chiavi per risolverle». Obiettivo ambizioso, in cui hanno fallito in molti. Il fondatore di Energie per l’Italia ha inventato anche un «think tank post populista, “Pop Up”, che contribuirà a fare luce su temi centrali come l’obbligatorietà dell’azione penale, le carriere in magistratura, il disciplinare del Csm,...

PER l'Italia: una giustizia giusta

Discuteremo presto il nostro programma di governo PER l’Italia in due grandi eventi organizzati il prossimo 25 e 26 novembre alla Reggia di Portici, a Napoli, e il 2 e 3 dicembre al Teatro Franco Parenti di Milano. Due appuntamenti decisivi per la vita del nostro movimento. Oggi parliamo di giustizia. Aspettiamo di sapere cosa ne pensate e vi chiediamo di condividere il programma di EPI sui social, Facebook e Twitter. Nessuna misura, né economica né di altro genere, potrà mai essere sufficiente a ricostruire l’Italia, se prima non ricostruiremo la giustizia italiana. Una giustizia il cui malfunzionamento è oggi non solo un freno decisivo agli investimenti, alla tutela del credito e della proprietà, ma anche – ed è molto più grave – fonte di calvari intollerabili, in grado...

Confindustria, Sacconi (Epi): Bene Boccia su deriva sospetto

“Ha ragione il presidente Boccia quando, a seguito della introduzione del sequestro cautelare del patrimonio per meri indizi corruttivi, lamenta una deriva del sospetto” lo dice il senatore Maurizio Sacconi di Energie per l’Italia. “Ricordo che in questa legislatura tutte, o quasi, le leggi in materia di giustizia hanno ridotto i diritti della difesa ed esteso la dimensione penale”, prosegue il presidente della commissione Lavoro del Senato. “Il governo sta appoggiando in queste ore perfino una legge che incoraggia le denunce nei luoghi di lavoro, i cui danni saranno certi e immediati a fronte di esiti incerti e prolungati nel tempo”. “Non si tratta di provvedimenti marginali ma di ulteriori, pesanti, fattori inibenti la crescita che, non a c...

La giustizia resta centrale. Il punto su quanto accade

Vale la pena di rileggere quest’intervista a Stefano Parisi di Paolo Emilio Russo per Libero di qualche giorno fa… «Giudici contro la Lega per far vincere i grillini» Il capo di Energie per l’Italia: «lo distante dai lumbard, ma questa è un’aggressione giudiziaria. Tutti i partiti dovrebbero difendere Salvini» Non si può dire che Stefano Parisi e Matteo Salvini siano mai stati amici. Eppure o il leader di Energie per l’Italia sostiene che difendere la Lega da questa «aggressione giudiziaria» che sembra fatta apposta «per favorire il M5S, che è il partito preferito da settori della magistratura», è un «dovere» che vale per lui e che dovrebbe valere per «tutti i partiti democratici». L’ex candidato sindaco a Milano che il Cavaliere voleva coordinatore di F...

La deriva della giustizia civile

a cura dell’Avv. Filippo Germinetti Nel settore civile i temi sovrastanti degli ultimi anni sono quelli dei “meccanismi deflattivi” e della “degiurisdizionalizzazione”. Deflazionare in concreto ha significato restrizioni e scarichi. Chiariamo: a) Per ridurre contenzioso ed arretrati, si son cercate soluzioni per dissuadere i cittadini dal rivolgersi alla Magistratura. In questa direzione prima di tutto vi è stata un’elevazione dei costi di accesso ai procedimenti. Per altro aspetto si è registrato un sempre maggiore accesso al gratuito patrocinio da parte di coloro i quali attestano un reddito inferiore agli attuali € 11.11.528,41. Nel qual caso al meno abbiente viene attribuito un difensore che sarà pagato dallo Stato. E se la causa verrà persa si procederà ad oltranza perché comunq...

Giustizia e Legalità Digitale – Di che cosa si tratta?

Per quanto riguarda la Giustizia Digitale è necessario affermare che il Ministero della Giustizia, al fine di garantire un più alto grado di trasparenza di dati associati alle sentenze e cause per l’avvocatura e per i cittadini, per diminuire sostanzialmente i costi e per permettere una gestione di alto livello dei servizi di cancelleria, ha incentrato innumerevoli sforzi e risorse per l’informatizzazione del processo penale e del processo civile. Tre sono gli obiettivi principali: la digitalizzazione degli atti con conseguente gestione documentale e delle notifiche, il miglioramento del Registro Penale Informatizzato e lo sviluppo del Processo Civile Telematico. Il tutto consente un elevato livello di sicurezza e una drastica riduzione dei costi. Il principale soggetto del progetto Giusti...

Password dimenticata

Registrati