Responsive Ad Area

de romanis

Gli interventi che fanno crescere l'occupazione femminile. Quote di genere, ma non solo: il metodo delle distorsioni temporanee

(estratto dall’articolo “Le distorsioni che servono”, pubblicato nella rivista Aspenia, numero 75, 2016) L’Italia, nel 2016, ha registrato un tasso di occupazione femminile nella fascia di età 20-64 pari al 50,6 per cento: fanno peggio solo la Grecia (46 per cento) e la Turchia (32,5 per cento). Al Sud, la situazione è ancora più preoccupante: solo il 31 per cento delle donne ha un lavoro (la percentuale scende al 7,6 per cento per le giovani donne). Negli ultimi dieci anni, la presenza femminile sul mercato del lavoro è aumentata, ma i nostri partner fanno molto meglio perché l’incremento del nostro tasso di occupazione pari al 2 per cento corrisponde ad un terzo di quello della media europea e ad un sesto di quello registrato in Germania. Peraltro, nonostante meno della metà delle italia...

Password dimenticata

Registrati