Responsive Ad Area

claudio bertolotti

Libia e Mediterraneo: siamo pronti a difendere l'interesse nazionale dell'Italia

Dall’intervista a Claudio Bertolotti di Vanessa Tomassini per “Notizie Geopolitiche” del 10 ottobre 2017 Il principale tema di interesse e discussione tra i paesi dell’area mediterranea, e in particolare quelli europei, è ormai da tempo il fenomeno dei flussi migratori che va inteso non come emergenza a breve termine, un approccio ormai fuori discussione, bensì come fenomeno strutturale di portata continentale e di lungo periodo e le cui cause sono molteplici, e tra queste certamente quella dei cambiamenti climatici. Un fenomeno all’interno del quale va ad inserirsi, con crescente preoccupazione, quello dell’immigrazione clandestina che dal continente africano si sposta verso l’Europa e l’Italia, attraverso l’area del Nord Africa, pur non dimenticando la massa migra...

La Francia in Libia? Difendiamo l'interesse nazionale italiano

di Claudio Bertolotti (articolo integrale su L’INDRO) Emmanuel Macron ospita oggi i due contendenti al potere in Libia: un sempre più debole e isolato Fayez al-Serraj, capo del Governo di accordo nazionale di orientamento islamista di Tripoli e riconosciuto dall’Onu (ma informalmente osteggiato da Francia, Russia e Regno Unito), e Khalifa Haftar, il potente e politicamente sempre più rilevante comandante militare laico e anti-islamista di Tobruk, sostenuto da Egitto, Russia Paesi del Golfo ed Emirati (e Francia). La Francia, che nel 2011 sosteneva gli islamisti, oggi punta sul candidato anti-islamista, mentre l’Italia, che ha puntato sul primo, non è stata in grado di aggiustare il tiro quando già era evidente che la scommessa fosse persa. Un caro prezzo che rischia di dare un sonoro...

Migranti: a Tallin l'Europa è unita contro un'Italia irresponsabile

Bocciata dall’opinione pubblica italiana e dall’elettorato chiamato ad esprimersi alle recenti elezioni amministrative, la politica per l’ immigrazione attuata dal Partito Democratico, quella delle “porte aperte” a chiunque intenda sbarcare illegalmente in Italia, è stata bocciata anche dai paesi dell’Unione Europea. Dopo Francia, Spagna e Germania, anche Olanda e Belgio bocciano senza possibilità di appello la proposta italiana di accogliere più migranti economici provenienti dall’Africa. Una bocciatura confermata dalla posizione del commissario europeo per l’Immigrazione Dimitris Avramopoulos. L’Europa e i suoi governi nazionali hanno così deciso di chiudere le porte a un’Italia rea di incentivare un flusso migratorio incontroll...

I migranti che non vogliamo: arrivano o andiamo a prenderli?

di Claudio Bertolotti – da L’Indro del 29 giugno Della questione emergenza migranti ne scrivo da anni; nel 2016 ne parlavo su “L’Indro – L’approfondimento quotidiano indipendente“, anticipando lo scenario di crisi che oggi si impone in tutta la sua gravità. Il 2016 è l’anno del record assoluto di migranti giunti in Italia e già potevamo prevedere che il 2017  sarebbe stato peggio, e così per gli anni successivi, dal momento che nei prossimi 30 anni è previsto che i flussi migratori spingeranno oltre 250milioni di persone a lasciare i propri luoghi di origine. Secondo i dati forniti ieri dal Ministero degli Interni, sono 76.873 i migranti sbarcati dall’inizio del 2017 sulle coste italiane, con un aumento del 13,43% rispetto allo stesso periodo del 2...

La Sicurezza Urbana: cambiamo approccio (ma che sia adeguato)

Claudio Bertolotti – da LoSpiffero Torino e i fatti di Piazza San Carlo del 3 giugno rappresentano lo spartiacque simbolico tra ciò che è stato il concetto di sicurezza nel secolo scorso, in termini di misure e strategie, e lo scenario di insicurezza, reale e percepita, che la nostra generazione si trova a dover affrontare oggi e che affronterà nei prossimi decenni. In tale scenario, caratterizzato da nuove minacce urbane, vale la pena ricordare che in un contesto democratico quale il nostro, al primo posto vi è il diritto del cittadino ad essere e a sentirsi al sicuro a fronte del diritto-dovere delle istituzioni a creare le basi per la sicurezza di tutti. E le istituzioni locali sono rappresentate dal Sindaco, insieme a Questore e Prefetto. Sindaco che, sulla base di scelte politic...

Intervista a L'Indro. Stefano Parisi su terrorismo, immigrazione e sicurezza

di Claudio Bertolotti – L’Indro Per ‘L’Indro’, discutono di terrorismo, immigrazione e sicurezza, Stefano Parisi, fondatore di Energie per l’Italia, il movimento politico aperto a chi vuole un centrodestra rinnovato che si propone come alternativa alla sinistra e ai movimenti populisti, e Claudio Bertolotti, sociologo dell’Islam e analista strategico per ITSTIME, esperto di terrorismo, Medio Oriente e Nord Africa. Un dialogo aperto e senza censure, iniziato da Claudio Bertolotti che ha deciso di andare oltre l’esprimere una propria opinione, per confrontarsi apertamente e in maniera diretta con Stefano Parisi. L’obiettivo è di trovare una visione comune, strade percorribili che possano dare risposte concrete a un pericolo che chiama in causa istituzioni e politica. Iniziamo da ...

Manchester: effetti del terrorismo islamico

Il terrorismo islamico è la manifestazione violenta del radicalismo strisciante e incontrastato che si sta radicando in Europa. E' una minaccia concreta alla sicurezza dei cittadini italiani ed europei tanto maggiore quanto è più alta la presenza di immigrati di seconda e terza generazione.

Terrorismo islamico e radicalismo: prima garantire la sicurezza dei cittadini

Terrorismo islamico e radicalismo sono una minaccia per la sicurezza. Gli attacchi del terrorismo islamico di Berlino, Parigi, Bruxelles, e altri ancora, sommano paura alla paura e mettono in crisi le istituzioni, nazionali ed europee: Italia inclusa. In primo luogo dobbiamo considerare il terrorismo per quello che è: “terrorismo islamico” che sfrutta la religione come giustificazione e lo fa attraverso una visione radicale dell’Islam. Tale visione deve essere in primo luogo rifiutata pubblicalmente e formalmente dalle comunità di musulmani in Italia e in Europa. Dobbiamo poi concentrarci su una soluzione che parta dalle sue cause e non limitarci a reagire agli attacchi: è una minaccia diretta alla nostra sicurezza che si alimenta di conflittualità sul piano sociale europeo e paga gl...

Password dimenticata

Registrati