Responsive Ad Area

Condividi

Energia e Ambiente

Perché è importante aumentare ricerca ed innovazione in Italia?

L’Italia è l’ottava potenza industriale con una quota del 2,5% sulla produzione mondiale.

La Cassa Depositi e Prestiti ha recentemente dichiarato che moltissimi operatori economici stranieri hanno espresso la precisa volontà di investire in Italia nei prossimi anni in quanto la manifattura Italiana è considerata di precisione e di ottima qualità, ma difatti si riscontra che risente di un livello di innovazione non adeguato agli sviluppi tecnologici e produttivi mondiali, a scapito di un accesso facilitato ai mercati internazionali.

A ciò si affianca una modernizzazione infrastrutturale del Paese che non è stata ancora completata; questo scenario ha un impatto negativo sull’efficienza e sulla velocità delle reti di connessione fisica di beni e merci lungo la penisola e verso l’estero, diminuendo gli incassi nazionali derivanti dall’export di materie nazionali, e gravando dunque sulla nostra produttività, competitività e sviluppo economico.

Si evidenziano ancora forti ritardi nella diffusione di internet e dell’agenda digitale, validi strumenti per la gestione intelligente ed ottimizzata dei diversi comparti industriali.

Una politica che fonda le proprie radici gestionali ed i propri piani di monitoraggio su tecnologie all’avanguardia implementate da università specializzate ed enti di ricerca, dalla stessa agevolate, è sicuramente una delle tanti chiavi di (s)volta per ricondurre l’Italia sul podio della tanto ammirata produzione e diffusione del Made in Italy, in Italia e all’estero.

Dr. Antonino Abbate

Condividi

Scrivi un commento

Diventa il primo a commentare!!

wpDiscuz

Password dimenticata

Registrati