Responsive Ad Area

Sanità

Sullo sciopero dei Dirigenti Medici contro i tagli alla sanità.

Lo sciopero indetto dai dirigenti medici, giusto e motivato da ragioni che vanno al di là della sola rivendicazione economica, per un contratto ormai fermo da 8 anni, è l’ennesima profonda lacerazione del tessuto sociale di questo paese, in cui la politica non è più in grado di cogliere le istanze dei suoi cittadini. Nel caso dei medici la ferita è ancora più profonda perché in fondo la politica, come la medicina, dovrebbe offrire cure e soluzioni, mentre da tempo è causa di malanni. Si, perché la rivendicazione di oggi affonda le sue radici lontano: da anni ormai il nostro sistema sanitario è definanziato; sottoposto a tagli lineari che non hanno risparmiato i professionisti, i quali anzi sono stati considerati una delle principali spese da ridurre. Così oggi, dopo anni di blocco del turn...

Telemedicina salva-cuore

Uno smartphone, una bilancia, un misuratore di pressione e un saturimetro. Questa è la squadra di apparecchi digitali messa in campo per il progetto di telemedicina “Salva Cuore” dedicato a chi soffre di scompensi cardiaci. Il video pubblicato da La Stampa (nel link a fondo pagina) spiega chiaramente l’intero progetto e le grandissime potenzialità. Il tutto è stato realizzato dal Politecnico di Torino in collaborazione con l’ATS e l’Ospedale Mauriziano. 20 pazienti hanno accettato di seguire il progetto, effettuando alcune misurazioni ogni mattina con gli apparecchi forniti. I dati venivano veicolati in rete al medico di medicina generale che aveva la possibilità di verificare e monitorare le condizioni di salute. Un progetto all’avanguardia, con potenzi...

Ferragosto a Milano (in ricordo di Ester Angiolini)… tra un #selfie e l'altro

Milano, 23 agosto 2017 Lo ammetto, a ferragosto ero anch’io in vacanze…. poche, benedette e subito. Diventa una delle poche occasioni per stare insieme, e senza fretta, con la “mia bambina” di quasi 84 anni, per coccolarla e farla sentire importante per me. Una mamma che come spesso dico “mi ha insegnato a ridere e pregare”. Tra una coccola e l’altra, leggevo i giornali e cercavo di rimanere online, o meglio “social addicted” con le mie passioni ed attività quotidiane. Ho visto che, durante il 15 agosto, quasi tutti i Social si sono riempiti di splendide foto di amministratori pubblici e assessori in “visita pastorale” tra un’associazione e l’altra per dimostrare la loro solidarietà verso l’impegno delle as...

Welfare: il volontariato non va in vacanza

Milano, 4 agosto 2017 Welfare: una delle risorse più utili al “sistema Paese”, un principio di sussidiarietà reale “Anto’ fa caldo“, era un tormentone di un famoso spot pubblicitario. E in questi giorni di caldo ne fa parecchio. Un caldo che diventa ancora più pericoloso per chi sta in città e, in numero maggiore, si tratta di persone anziane e sole. Già, perché uno dei problemi più ricorrenti è la solitudine. Per fortuna sono molte le associazioni che, durante lo svuotamento delle città, si occupano e pre-occupano di questa solitudine senza mai andare in vacanza. Potrei citarne tante, ma su tutte e a titolo esemplificativo la Comunità Sant’Egidio e l’Opera San Fraancesco; ogni giorno incontrano, ascoltano, sostengono e portano un po’ di R...

OCCORRE VACCINARSI CONTRO LA DEMAGOGIA E IL POPULISMO

Intervistato da Formigli circa la posizione del M5S sulla obbligatorietà dei vaccini, Di Battista ha risposto con tono sprezzante, evadendo la domanda, che la proposta è di renderli gratuiti. Al di là della manifesta ignoranza sull’argomento (i vaccini obbligatori SONO gratuiti) nonostante la polemica impazzi ormai da settimane, un tempo sufficiente per documentarsi, il dato allarmante è la tracotanza con cui la risposta è stata data. Avrebbe potuto schernirsi Di Battista di non essere esperto di una materia così specialistica e rimandare ad altri la risposta. Invece no, da esponente di primo piano del movimento che aspira alla guida del Paese, ha ritenuto di dover affermare con forza la sua verità, lanciando sguardi di sfida e alzando il tono della voce verso il povero giornalista che ten...

Considerazioni sul sistema delle tossicodipendenze in Italia

Il consumo di sostanze stupefacenti interessa la nostra società dagli anni 70 ed ha sempre costituito una piaga sociale ma anche una minaccia costante: in passato, parlare di dipendenza da sostanze è sempre stato moralmente disdicevole, oggi invece c’è sempre più tolleranza nei confronti delle sostanze; drogarsi, purtroppo, è diventato quasi normale! Ma, malgrado se ne parli sempre meno perché si tollera sempre più il problema, non significa che il fenomeno sia in diminuzione, tutt’altro! Ci si dimentica spesso e volentieri che drogarsi nuoce gravemente alla salute e impedisce alla persona di realizzarsi. Tutti sanno che la droga fa male, ma non basta sapere, bisogna agire sulla prevenzione e sulla cultura della salute! La concezione del vero tossicodipendente per molti -troppi...

Proposta: SSN DIGITALE

L’assistito può solo accedere online ai suoi esami, grazie all’ausilio di una interfaccia utente web, mediante un meccanismo di autenticazione. L’accesso è consentito in sola lettura. Qualsiasi medico, di qualsiasi struttura ospedaliera e clinica, o medico generico, può accedere al database di ogni singolo assistito in lettura o per l’inserimento di un nuovo esame. Quindi, i soggetti del SSN e dei servizi socio-sanitari regionali che prendono in cura l’assistito, inseriscono i dati di un nuovo esame nel database dell’assistito specifico, e il relativo documento associato nella relativa cartella. Inoltre a loro è consentito accedere liberamente a tale database o cartella. Da specificare che la tabella database dell’assistito sarà obbligatoriamente ordinata cronologicamente in base all...

Verso un nuovo modello di sanità

Nel 2015, il settore dell’assistenza sanitaria ha mobilitato complessivamente 149 miliardi di risorse in termini di spesa corrente, 115 miliardi finanziati dal Sistema Sanitario Nazionale (SSN), 34 miliardi  di consumi sanitari privati. Con tali cifre l’assistenza sanitaria rappresenta il settimo settore dell’economia nazionale per prodotto lordo, e se contiamo che ben il 70% delle risorse del fondo sanitario nazionale viene trasferito a economie terze come corrispettivo per beni o servizi, o per l’erogazione di assistenza per conto del SSN, ne deriva che la spesa sanitaria pubblica è un formidabile strumento di politica industriale, in grado di impattare direttamente su settori ad alto livello di tecnologia. In altre parole, il SSN potrebbe costituire un sofisticato volano di sviluppo eco...

La concorrenza in autoanalisi

Mala tempora currunt, per la concorrenza nel nostro Paese, e non è una novità. Dal tentativo di estromissione di Flixbus dal mercato del trasporto interregionale su gomma al ddl concorrenza impantanato al Senato da due anni (nonostante la legge imponga teoricamente l’adozione di un provvedimento a favore della concorrenza ogni anno), dai limiti a Uber e ad Airbnb alla proroga dell’abolizione della maggior tutela nel mercato dell’energia elettrica, non c’è giorno che passi senza nuovi freni, nuovi limiti, nuovi tentativi di fermare il mercato e l’innovazione. Il problema è che la concorrenza, cioè la libertà economica, necessita innanzitutto di una predisposizione culturale. E la mancanza di quest’ultima non si manifesta nei casi eclatanti, come quello di Uber, ma nelle pieghe sonnecchianti...

Documentazione sanitaria digitale – approfondimenti

Gli attori della redazione documentale sono i professionisti sanitari di diverse discipline. I requisiti funzionali della documentazione sanitaria ambulatoriale sono: Fornire una base informativa per le decisioni; Garantire continuità assistenziale; Facilitare l’integrazione operativa tra più professionisti; Tracciare le attività svolte; Contribuire ad una buona gestione del rischio di eventi avversi; Costituire una fonte di dati; Semplificare e rendere più soddisfacente il lavoro. I requisiti di contenuto della documentazione sanitaria ambulatoriale sono: I Contenuti Generali ossia il bisogno di rendere evidenti le informazioni per identificare il paziente ed il singolo episodio di cura su tutti i documenti che costituiscono la cartella ambulatoriale; I principali dati identificativi sono...

La documentazione digitale Sanitaria e Sociosanitaria

Esistono numerose tipologie di documenti sanitari. Successivamente sono definiti solo quelli grande diffusione. Il più usato è certamente il certificato che corrisponde a qualsiasi attestazione scritta di fatti di carattere tecnico, constatati nell’esercizio professionale, dei quali l’atto è destinato a provare la verità. In ambito sanitario sono chiamati referti i documenti di significato e valore diverso, per i quali si specifica una chiarificazione. Nello specifico, il referto medico per antonomasia è la comunicazione che il medico, oppure chiunque esercita una professione sanitaria, è tenuto a presentare all’Autorità Giudiziaria per aver prestato opera o assistenza nei casi che possano presentare caratteri di un delitto perseguibile d’ufficio. In più è possibile definire re...

Sanità Digitale – Di che cosa si tratta?

Già negli ultimi anni, grazie al Ministero della Salute che ha provveduto alla pubblicazione delle linee guida sul Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), la situazione ha lasciato lo stato di immobilizzazione. La Provincia Autonoma di Trento e ben 4 regioni hanno sviluppato il FSE e lo hanno messo a disposizione dei cittadini. Tra queste c’è la Sardegna che si affianca a tre regioni del Settentrione: Emilia-Romagna, Toscana e Lombardia. Purtroppo, meno del 15% della popolazione usa realmente il FSE, poiché non è ancora funzionante. La “ricetta elettronica”, altro baluardo del concetto di digitalizzazione nell’ambito sanitario, stenta a decollare. I dati del 2013 considerano che quasi il 25% delle aziende sanitarie consente di pagare il ticket online, il 50% la prenotazione online di visite...

Password dimenticata

Registrati