Responsive Ad Area

news

Il giorno della vergogna, lo sfratto Bramini

La vicenda di Sergio Bramini è purtroppo l’emblema di una Nazione che non si occupa più dei propri imprenditori ed ha smesso di considerarli come un tesoro prezioso per l’economia e per il tessuto sociale del Paese. Per capire nel dettaglio di cosa sto parlando, ripercorriamo la storia di Sergio Bramini e della ICOM. Per 19 lunghi anni l’azienda di Bramini ha lavorato nello smaltimento rifiuti per i comuni; principalmente collaborando con la ATO che fa capo al Comune di Ragusa. L’Azienda lavora bene, prospera, genera lavoro a sua volta, tutto sembra perfetto fino al 2005 quando la Pubblica Amministrazione smette di pagare. Bramini non può fermare il servizio pubblico di cui si occupa e così prosegue nella speranza di vedere ripagato quel debito. Passano 6 anni, nei ...

«Io, palermitano adottato da Milano», Manfredi Palmeri racconta il suo 1992

Fa parte del Consiglio comunale dal 2001, da due mesi siede pure nel Consiglio regionale. Manfredi Palmeri è ormai un uomo delle istituzioni milanesi, molto legato alla città al punto che è stato anche candidato sindaco. La sua origine, però, è palermitana, dove ha vissuto tutta l’infanzia, conservando ricordi vivissimi della tragica stagione in cui si compirono i più efferati delitti di mafia. Dove si trovava il 23 maggio del 1992, il giorno della strage di Capaci? «Ero a casa, a Palermo, con mio padre. Ricordo che appresi dell’attentato e che seguì poi gli aggiornamenti dal televideo, era un sabato pomeriggio». Che età aveva? «Avevo 18 anni. C’era appena stato a marzo un altro omicidio, quello di Salvo Lima». Quale fu la prima reazione? «Fui ammutolito di fronte ad un così cinico e barba...

Jobs act, Sacconi: Speranza dimentica suo accordo con Renzi su art.18

Strana storia quella del jobs act. Nella vigilia del Natale 2014 Renzi tradì un accordo con me sull’art.18 che ipotizzava la possibilità per il datore di lavoro di trasformare sempre una condanna alla reintegrazione del lavoratore licenziato con un adeguato indennizzo. Renzi scelse infatti nella notte precedente l’adozione del decreto legislativo un compromesso con Speranza, avvallato dalla Confindustria di allora, in base al quale saltò nelle bozze la clausola di “opting out” e rimase quindi la possibilità della condanna alla reintegrazione per limitate fattispecie che poi la giurisprudenza ha interpretato estensivamente. Come si può leggere nelle agenzie di quel giorno Speranza ne fu così felice da dichiarare ironicamente: “Buon Natale Sacconi”. Strano...

Treni, Nava: Renzi non ha nulla da insegnare a Regione Lombardia

“Un bugiardo così, sfacciato e veramente senza il minimo di onestà intellettuale, sul nostro territorio non lo abbiamo mai sentito parlare”. Così il sottosegretario regionale Daniele Nava (e referente lombardo di Energie PER l’Italia) commenta la visita di Renzi nel Meratese, a bordo del suo treno, e i relativi commenti contro Regione Lombardia sul trasporto ferroviario e sulla situazione dei pendolari. “Quando era presidente del Consiglio Renzi ha distrutto i fondi per il Trasporto Pubblico Locale tagliando decine e decine di milioni. Con il suo successore Gentiloni le cose non sono certo migliorate. E, come al solito, i tagli più pesanti sono toccati alla Lombardia”, prosegue Nava. “Nonostante questo la nostra Regione è riuscita a tappare i buchi, a investire e a fare programmi per il fu...

Il centrodestra deve rinnovarsi, e in Sicilia abbiamo capito come

In Sicilia Energie per l’Italia ha fatto un ottimo lavoro. Lo ha testimoniato Nello Musumeci nel suo primo discorso ringraziando Stefano Parisi per essere stato al suo fianco fin dal primo momento nell’avventura di “Sarà Bellissima PER la Sicilia” e sino al momento della vittoria. Senza dare nulla per scontato, mettendoci la faccia. Il Comitato di PER Roma Capitale vuole ringraziare Stefano Parisi per il coraggio che ha dimostrato e per l’ottimo lavoro cha ha svolto giorno dopo giorno. Il messaggio trasmesso in Sicilia è stato vincente. Bisogna rigenerare la politica rimanendo ancorati ai valori del centrodestra che vedono nella laicità dello Stato, nelle radici giudaico-cristiane dell’Europa e nella libertà delle donne dei principi imprescindibili. Stefano Parisi è riuscito a coinvolgere ...

Tour elettorale di Parisi in Sicilia, prima tappa Catania

Sala stracolma al Cine Teatro Odeon di Catania, prima tappa del tour elettorale di Stefano Parisi in Sicilia per sostenere la candidatura di Giuseppe Arena della lista unica #DiventeràBellissima e #PERlaSicilia. Energie PER l’Italia appoggia il candidato Nello Musumeci alla presidenza della Regione. Nel pomeriggio di domenica 22 Ottobre, Parisi è intervenuto a Caltagirone ad un incontro organizzato con il sindaco del comune siciliano, Gino Ioppolo, l’assessore al bilancio, Massimo Giaconia, e lo stesso Arena. Nel corso della giornata, sono state presentate le principali proposte del partito in tema di investimenti infrastrutturali e per lo sviluppo, semplificazione della macchina amministrativa, sicurezza e controllo dei flussi migratori.

Energie PER la Campania, conferenza stampa con Parisi e Vaccaro

Oggi alle Eccellenze Campane di Napoli si è svolta la conferenza stampa per l’insediamento del Coordinamento regionale di Energie PER l’Italia in Campania. Alla conferenza stampa erano presenti il leader del partito, Stefano Parisi, e il parlamentare Guglielmo Vaccaro, referente regionale di EPI in Campania, insieme ai giornalisti della stampa nazionale e locale, e ai sostenitori ed aderenti del partito sui territori. “Oggi in Italia ci sono troppi leader, troppi politici,” ha detto Parisi, “dobbiamo ricostruire il nostro Paese con idee nuove e partendo dai cittadini. Oggi in Italia bisogna ricomporre una Comunità nazionale e una coesione sociale che si è spezzata”. E sulla legge elettorale: “È una brutta legge, non consente agli elettori di scegliere il candi...

Campania, nasce coordinamento regionale EPI. Vaccaro: "Nuova politica dà voce a territori"

“Stiamo costruendo una forza politica nuova, fortemente radicata nella società, capace di rappresentare la classe media italiana, che non ne può più di governi incapaci di riformare il Paese”, lo dice l’onorevole Guglielmo Vaccaro, referente regionale di Energie PER l’Italia in Campania. Occorre proporre agli elettori una novità nei programmi e nelle persone. Nessuna quarta gamba sotto tutela, ma un nuovo protagonismo politico che dia voce ai territori”.  Domani alle 12.30 presso le Eccellenze Campane (Via Brin 69, Napoli) si terrà la conferenza stampa con Vaccaro e Stefano Parisi, per l’insediamento del coordinamento regionale del movimento.  

Confindustria, Sacconi (Epi): Bene Boccia su deriva sospetto

“Ha ragione il presidente Boccia quando, a seguito della introduzione del sequestro cautelare del patrimonio per meri indizi corruttivi, lamenta una deriva del sospetto” lo dice il senatore Maurizio Sacconi di Energie per l’Italia. “Ricordo che in questa legislatura tutte, o quasi, le leggi in materia di giustizia hanno ridotto i diritti della difesa ed esteso la dimensione penale”, prosegue il presidente della commissione Lavoro del Senato. “Il governo sta appoggiando in queste ore perfino una legge che incoraggia le denunce nei luoghi di lavoro, i cui danni saranno certi e immediati a fronte di esiti incerti e prolungati nel tempo”. “Non si tratta di provvedimenti marginali ma di ulteriori, pesanti, fattori inibenti la crescita che, non a c...

"Senza legalità la Sicilia è finita" – Intervista di Stefano Parisi a Libero

Salvatore Dama – Libero «Se parliamo di Sicilia, non si può non partire dal caso di Licata». Angelo Cambiano, sindaco anti-abusivismo, sfiduciato in consiglio comunale. « Una vicenda tristissima», spiega Stefano Parisi, leader di Energie per l’Italia, «uomini come lui andrebbero sostenuti. Invece lo sfiduciano. La Sicilia è una terra bellissima spesso devastata dagli abusi edilizi. La politica non deve chiudere gli occhi. E non mi piace neanche l’approccio del candidato grillino, per il quale si devono tollerare le costruzioni abusive se sono essenziali per le famiglie che le abitano. La legalità non si pratica a intermittenza. E un tema su cui vorrei vedere il centrodestra in prima linea». Invece si litiga sul perimetro della coalizione che deve competere alle Regionali ...

Password dimenticata

Registrati