Responsive Ad Area

Energia e Ambiente

Economia circolare: opportunità, normative e criticità

  L’economia circolare, secondo la definizione che ne dà la Ellen Mac Arthur Foundation è un sistema economico pensato per potersi rigenerare da solo, dove i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, in grado di essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, destinati ad essere rivalorizzati senza entrare in essa. Questo sistema, per quanto possa allettare l’intelletto umano e le tasche degli imprenditori e delle grandi lobby, ad oggi presenta ancora delle carenze che ne comprometterebbero il corretto funzionamento e mantenimento se fosse in vigore su scala internazionale. La Comunità Europea, nella consapevolezza della dipendenza del vecchio continente dall’importazione di energia e materie prime da altri continenti, ha presentato nel dicembre 2015 un piano ...

Prevenire è meglio che bruciare: le nostre proposte per arrestare gli incendi boschivi

<<Il fuoco non dà tregua alla Calabria. E, negli ultimi giorni, nemmeno all’Abruzzo. >> intitola il Sole24Ore. <<Sono state accertate infatti, da parte delle ditte boschive che partecipano alle aste, accordi preventivi illeciti finalizzati alla spartizione di lotti da aggiudicare e ricorsi a “cartelli” finalizzati a tenere bassi i prezzi della base d’asta mediante accordi segreti ed illegittimi..>>. E ancora: <<Cosche e clan vogliono dimostrare che, di qualunque area, sono in grado di indirizzare destini, fortune e sfortune. Dimostrano ai proprietari (siano essi privati o demaniali) che se i boschi e i pascoli incendiati sono assoggettati a vincolo di inedificabilità quindicennale per impedire la speculazione edilizia, il proprietario s...

Emergenza Idrica In Italia e i danni del Referendum sull'Acqua Bene Comune

Il nostro paese affronterà una vera e propria Emergenza idrica questa estate e, per questo motivo, in via precauzionale molti comuni stanno procedendo alla sospensione idrica in determinate fasce orarie. Qui di seguito analizzeremo meglio la questione ma, sopratutto, si cercherà di spiegare le gravi responsabilità di chi votò al referendum del 2011 sull’Acqua Bene Comune. Dopo 6 anni dal quesito referendario è opportuno ricordare che l’acqua sarebbe rimasta lo stesso un bene comune. Sarebbe passata al privato la sola gestione dei servizi idrici. Inoltre, la ditta che avesse vinto la gara d’appalto, si impegnava a rimettere in sesto l’intera rete idrica con la condizione che il canone non potesse superare una determinata soglia, che è poi quella che noi oggi stiamo g...

Roma e l'Italia: analogia di un decadimento

È impressionante la similarità tra i problemi di Roma e quelli dell’Italia. Roma infatti è affetta da un debito enorme. Gli ultimi dati parlano di circa 9,5 mld di saldo passivo: la gestione commissariale iniziata 2008 costa al comune di Roma e dunque ai cittadini, l’addizionale Irpef più alta d’Italia pari allo 0,9%. In accordo con il Mef (Ministero Economico Finanza) il comune compartecipa ai 500 mln di oneri annui di debito ,intervenendo per circa 200 MLN l’anno con un addizionale Irpef aumentata dello 0,4%. Le proprie partecipate, in particolare ATAC e AMA, sono l’emblema dell’inefficienza e dell’inefficacia di una gestione senza alcuna strategia di medio lungo periodo, in cui massimizzare il rapporto qualità servizio adeguato/costo a carico dell’utenza dovrebbe esser...

Riqualificazione Ambientale: c'è tanto da fare, c'è solo da muoversi!

Durante la recente riunione del gruppo di lavoro Energia & Ambiente sui Finanziamenti delle Opere di Riqualificazione Ambientale (ovvero dell’Ambiente Costruito e Non) sono state intercettate le tipologie di opere, dove gli edifici a grande concentrazione abitativa e di frequenza prendono primaria importanza; e per essi sono sorte delle interessanti proposte da parte dei partecipanti che ne hanno captato alcuni meccanismi di autofinanziamento.  Nel primo stage della riunione sono state captate le tipologie più importanti di opere di riqualificazione dell’ambiente, facendo distinzione tra ambiente costruito comprendente beni immobili, ed il verde urbano (la tematica della riqualificazione dei beni ambientali paesaggistici e naturalistici si terrà invece prossimamente). Di primaria...

CAMBIAMENTO CLIMATICO: STRUMENTALIZZAZIONE A SCAPITO DELL'AMBIENTE

Sul cambiamento climatico varie sono le posizioni, certe maggioritarie, altre non, ma del resto anche esse hanno dei fondamenti di verità. Quel che è certo è che sulla questione climatica c’è una netta divisione di opinioni, tra chi ha un atteggiamento tendente al catastrofismo e chi invece nutre forte scetticismo, alimentato dalle conseguenze che la mentalità catastrofista ha sul piano economico e finanziario. Il cambiamento climatico è diventato un po’ così; tutti ne parlano, certi alzano critiche, altri ancora si soffermano a ripetere la voce di corridoio. Il problema scaturisce quando le voci che ripetiamo con una certa inerzia consentono ai mercati di essere influenzati dall’acquisizione di politiche energetiche conservatrici o non. Il primo segnale negazionista che ...

PEM5S: UNA PROPOSTA DI PIANO ENERGETICO TRA L'ESISTENTE E L'INATTUABILE

Il Piano Energetico (PEM5S) presentato alla Camera dal Movimento 5 Stelle il giorno 3 Aprile è stato analizzato dal gruppo di lavoro “Energia&Ambiente”, che ne ha intercettato parti descriventi pratiche già in vigore, su cui si vuole strumentalizzare a scopi propagandistici ed elettorali, periodi contraddittori, e parti invece dalla dubbia fattibilità tecnico/tecnologica e scientifica, a causa di una superficiale analisi dell’intrinsecità degli aspetti gestionali ed attuativi del settore energetico. Il gruppo di lavoro “Energia&Ambiente” ha analizzato il Piano Energetico presentato alla Camera dal Movimento 5 Stelle il 3 Aprile dall’On. Roberto Fico, che ha aperto una viva argomentazione dei vari punti. Il piano è suddiviso in obbiettivi generali...

Siamo l'Italia o un Paese del terzo mondo?

Un recente articolo della BBC pone, già dal titolo, una domanda che a mia volta pongo a me stesso, ma che vorrei rivolgere al Sindaco di Roma: perché il Comune di Roma invia treni pieni zeppi di spazzatura in Austria? L’articolo inizia così: “Roma sta combattendo a fatica con la gestione di una crisi dei rifiuti mentre l’Austria vanta ampia capacità in un impianto di termovalorizzazione vicino Vienna. Un accordo è stato quindi siglato. Gli italiani pagheranno la società austriaca EVN per lo smaltimento di 70.000 tonnellate di rifiuti prodotti quest’anno dalle famiglie romane”. Non mi interessano le spiegazioni di circostanza di un problema che è di natura strutturale, coinvolge senz’altro più amministrazioni cittadine, e racconta una storia di fallimento dello Stato...

Auto-produzione di energia elettrica: novità e prospettive per il prosumer

A novembre 2016, un nuovo Energy Package della Commissione Europea finalizzato, tra le altre cose, a consentire che i cittadini siano facilitati nel produrre la propria energia rinnovabile; da marzo 2017, meno oneri generali di sistema per l’auto-produzione. Il dado è tratto? Forse. Negli ultimi tempi, anche in ambito energetico, si parla sempre più spesso di prosumer, vale a dire un soggetto che, al contempo, è produttore e consumatore di energia elettrica. A oggi, a livello europeo, non esiste una definizione di auto-consumatore (o auto-produttore) di energia né, tanto meno, una disciplina unitaria. Pertanto, gli Stati Membri si sono dotati di differenti legal framework che hanno condotto a un elevato grado di frammentazione e a livelli diversi di implementazione della disciplina d...

Geopolitica e competitività nazionale nel contesto UE

La competitività nazionale è stata altamente compromessa, in uno scenario psico economico europeo in cui vige l’interesse favoreggiante alcuni stati membri piuttosto che di altri. L’assenza di una significativa rappresentanza politico-governativa in Italia ha portato a gravi perdite economiche, aiutate  negativamente da una cattiva gestione delle risorse tipica delle sinistre. È fondamentale per il nostro Paese riprendere la propria importanza sul fronte internazionale e tornare a dare respiro alle attività dell’artigianato e dell’imprenditoria “Made in Italy” attraverso giuste scelte di gestione delle risorse energetiche su scala internazionale. Si è   visto nella storia  come alcune  scelte geopolitiche  piuttosto che  altre determianassero una certa s...

Anche l'Ambiente ha bisogno di semplificazione

La normativa a tutela dell’ambiente in Italia è prevalentemente costituita da atti di recepimento di provvedimenti emanati a livello UE. Nel corso degli anni la Comunità Europea ha elaborato alcuni modelli di tutela ambientale a partire dal modello cosiddetto del “command and control” (autorizzazione, pianificazione, potere sanzionatorio) a cui successivamente sono stati apportati alcuni correttivi per renderlo più flessibile, attraverso strumenti di mercato e l’incentivazione delle condotte virtuose (si pensi alla carbon tax applicabile alle emissioni inquinanti). In quest’ambito si possono enucleare alcuni principi che sovrintendono alla tutela dell’ambiente: • il principio di precauzione • il principio chi inquina paga • il principio di integrazione delle politiche ambiental...

Perché è importante aumentare ricerca ed innovazione in Italia?

L’Italia è l’ottava potenza industriale con una quota del 2,5% sulla produzione mondiale. La Cassa Depositi e Prestiti ha recentemente dichiarato che moltissimi operatori economici stranieri hanno espresso la precisa volontà di investire in Italia nei prossimi anni in quanto la manifattura Italiana è considerata di precisione e di ottima qualità, ma difatti si riscontra che risente di un livello di innovazione non adeguato agli sviluppi tecnologici e produttivi mondiali, a scapito di un accesso facilitato ai mercati internazionali. A ciò si affianca una modernizzazione infrastrutturale del Paese che non è stata ancora completata; questo scenario ha un impatto negativo sull’efficienza e sulla velocità delle reti di connessione fisica di beni e merci lungo la penisola e verso l’estero, dimin...

  • 1
  • 2

Password dimenticata

Registrati