Responsive Ad Area

Martino Loiacono

Foto del profilo di Martino Loiacono
Martino Loiacono
Laureato in lettere moderne, con un debole per la Storia contemporanea e per la politica. Liberale.

L’antifascismo di maniera

L’antifascismo di maniera è tornato nuovamente alla ribalta. Sembrava che le categorie di fascismo e antifascismo fossero state definitivamente consegnate alla Storia, ma la proposta di legge di Emanuele Fiano ha riportato questa usurata dialettica all’ordine del giorno. Sgombriamo subito il campo da equivoci: la Resistenza e l’antifascismo sono imprescindibili per capire la storia della nostra Re...Leggi di più

Amministrative 2017: una disfatta per il Pd?

La sicumera renziana continua a non pagare. Questo è l'esito più lampante delle amministrative appena concluse. Certo, osservare i risultati di ieri proiettandoli immediatamente su scala nazionale sarebbe un grave errore: sia perché il M5S è per statuto un "non-partito", non essendo radicato sul territorio e non avendo una classe dirigente locale, sia perché la legge elettorale maggioritaria a dop...Leggi di più

Una legge elettorale non basta

Le sole leggi elettorali non garantiscono la stabilità politica. Questo assunto che sembra banale pare non essere chiaro ai più importanti esponenti politici che in questi giorni stanno lavorando al cosiddetto Tedeschellum. I sistemi elettorali, se calibrati sulle caratteristiche dei sistemi politici nazionali, possono agevolare la rappresentanza e le istanze dei diversi gruppi sociali. Tuttavia n...Leggi di più

Présidentielle 2017: un chiaro messaggio anche per l’Italia

I partiti tradizionali sono definitivamente tramontati. Questa è l'evidenza più chiara che giunge dal secondo turno delle presidenziali Francesi. I partiti pesanti del Novecento, e il conseguente panorama politico che hanno designato per alcuni decenni, si sono definitivamente esauriti. La contrapposizione tra partiti di destra e partiti di sinistra, in altre parole, si è ormai conclusa, perché le...Leggi di più

La narrazione renziana: come si costruisce il populismo di governo

Si sa, Renzi è un grande comunicatore. La sua onnipresenza mediatica ha mostrato all'opinione pubblica quanto l'ex sindaco di Firenze sappia comunicare ed emozionare: insomma narrare. La narrazione, almeno comunicativamente, è stata la cifra della sua ascesa politica. Si pensi agli efficacissimi frame lanciati da sindaco di Firenze: la rottamazione della vecchia classe dirigente piddina, la palude...Leggi di più

PD: Il partito senza identità

Perché il Partito democratico non è il partito delle riforme Il dibattito pubblico degli ultimi due mesi si è concentrato morbosamente sulle tensioni all’interno del Pd e sulla conseguente scissione della sua sinistra interna, poi costituitasi in Dp – sigla evocativa per i nostalgici del massimalismo nostrano. La scissione della minoranza dem era inevitabile per l’impostazione eccessivamente perso...Leggi di più

L’onestà non basta

Negli ultimi tempi, forse negli ultimi venticinque anni, la politica italiana, con la piena complicità dell'opinione pubblica, si è concentrata quasi esclusivamente sul tema dell'onestà. L'onestà, dopo il terremoto politico di Tangentopoli, si è configurata come il carattere specifico della politica nostrana, come il centro della vita pubblica italiana. La politica, nel corso degli anni, si è infa...Leggi di più

Intitolare una via a Craxi? Sì, ma prima #parliamodicraxi

Intitolare una via a Craxi, ad oggi, è inutile. È inutile perché ci si allontana dal cuore del problema, ovvero la necessità di aprire un serio dibattito storico-politico sull’ex leader del Psi. Diciassette anni dopo la sua morte, Craxi non ha pace: la sua figura desta ancora scalpore, perché non è stata debitamente analizzata e storicizzata. I convegni riguardanti l’operato dell’ex presidente del...Leggi di più

Password dimenticata

Registrati