Responsive Ad Area

Condividi

Semplificazione e Digitalizzazione

Anagrafe Nazionale (ANPR) – Di che cosa si tratta?

Oggi la gestione dell’anagrafe nazionale della popolazione è frammentata in più di 8000 banche dati, ognuna a rappresentare i residenti del singolo Comune. Inoltre, le banche dati sono tra di loro diverse e i loro tracciati record sono a volte interoperabili. Il problema principale che è sorto da questa diversità, è un enorme ritardo nell'erogazione di servizi, poiché c’è la necessità di dati demografici corretti e completi.

L’ANPR è la soluzione al problema della distribuzione complessa e differente delle banche dati, fornendo una sola banca dati centralizzata, che sostituirà sia l’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE), che le Anagrafi Comunali.

Il progetto ANPR permetterà l’allineamento delle basi dati locali, consentirà lo scambio di dati tra diversi comuni per la semplificazione dei processi amministrativi. Inoltre permetterà di rendere disponibili i servizi anagrafici centralizzati per i pubblici servizi. Il tutto consentirà un miglioramento della qualità dei servizi che vengono forniti ai cittadini, mediante l’ausilio di un’anagrafe centralizzata, tale da consentire loro di richiedere documenti e certificazioni anagrafiche presso qualsiasi sede comunale e non obbligatoriamente presso il comune di residenza.

Inoltre, il cittadino potrà procedere all'invio telematico di numerosi certificati, delle dichiarazioni e attestazioni di nascita. Potrà effettuare cambi di residenza da qualsiasi comune italiano. I Comuni potranno compiere le funzioni di loro competenza, avendo a disposizione una base dati nazionale, con i dati anagrafici completi e dei servizi per l’interoperabilità con le basi dati dei singoli Enti.

Le Pubbliche Amministrazioni potranno entrare in possesso dei dati anagrafici dei cittadini mediante la consultazione online di una sola base dati nazionale centralizzata, limitando il mantenimento di costose e numerose banche dati anagrafiche. Inoltre, il progetto ANPR permetterà la riduzione dei costi dovuti ai censimenti periodici poiché andrà a creare un unico censimento continuo dei cittadini da parte dell’ISTAT.

Un progetto sfidante e davvero innovativo che, ad oggi, però risulta bloccato nonostante i 20 milioni di investimento già speso.
Serve un programma sul digitale serio e deciso, altrimenti non si riuscirà a compiere passi avanti.

Condividi

Foto del profilo di fscotto
Nato ad Avellino il 3 Aprile 1982. Nel 2005 ho conseguito la Laurea con lode in Informatica presso l'Università degli Studi di Salerno, con tesi sull'Interazione Uomo Macchina. Nel 2008 ho conseguito la Laurea Specialistica con lode in Informatica presso l'Università degli Studi di Salerno, con tesi sulla Simulazione. Lavoro dal 2009 nel settore Informatico. Attualmente sono analista/programmatore. Nel 2009 mi sono trasferito a Milano per lavorare in ambito Informatica bancaria (area Finanza). Dopo due anni e due mesi mi sono trasferito a Roma. Nutro interesse verso i linguaggi di programmazione, ottime competenze matematiche (in particolare nel campo statistico e tecniche di ottimizzazione e simulazione) e swarm intelligence. Spero di poter dare un forte contributo per risvegliare il Paese.

Scrivi un commento

Diventa il primo a commentare!!

wpDiscuz

Password dimenticata

Registrati