Responsive Ad Area

Condividi

Idee

Milano e le vecchie logiche della sinistra

Milano e le vecchie logiche della sinistra
Il Comune di Milano fa un concorso per 178 posti individuati nel 2016. Li assumerà nel 2018. 50 mila partecipanti da tutta Italia. Ancora assunzioni pubbliche. Perché? Tre anni per assumere? In tre anni cambia il mondo. Dov’è la tecnologia digitale al Comune di Milano? Sala non ha nessuna intenzione di riorganizzare il Comune. Appena ci sono un po’ di soldi in bilancio aumentano i costi. Abbassare le tasse non ci pensa nessuno. E il Comune continuerà ad essere costoso e inefficiente. Milano ha bisogno di innovazione. Il Comune deve aiutare lo sviluppo della Città. Invece la Giunta paga pegno alle peggiori logiche sindacali caricando sulle casse pubbliche spese sbalorditive per assumere nuovi dipendenti pubblici. Oltretutto si tratta di assunzioni per servizi tutti ottimamente acquistabili a prezzo più ridotto dalle imprese milanesi: tecnici informatici, custodi museali, geometri e architetti, oltre a una marea di impiegati generici al servizio delle burocrazie che dovrebbero diminuire e non espandersi. Con queste logiche la sinistra mette a carico dei milanesi 178 impiegati del tutto inutili e toglie lavoro alle imprese del territorio. Energie PER l’Italia sta dalla parte di chi pagherà tutto questo: i cittadini e gli imprenditori. Milano merita un’amministrazione moderna. Invece con Sala continuano le vecchie logiche pubbliche, assunzioni , ATM alle Ferrovie dello Stato, tasse alte.

Condividi

1 commento

  1. Fosse solo questo …
    Briciole keynesiane …
    Il grosso della TORTA della spesa comunale è diversamente distribuito e, per sapere come, bisogna leggere i bilanci del Comune, che ci raccontano una storia bizzarra, quella di una Amministrazione che in due anni RADDOPPIA ENTRATE ED USCITE, ma non è vero, perchè i bilanci sono di fantasia, nel senso che alcune spese sono vere, altre sono solo immaginate, possibili, futuribili, e così anche le entrate : vendite immobiliari non finalizzate, prestiti neppure accesi … ipotesi, mescolate con le entrate VERE e le spese VERE.
    Ma chi si orizzonta in questo mare ? Neppure i consiglieri comunali, neppure quelli della parte politica che governa.
    La BATTAGLIA DI TUTTE LE BATTAGLIE al Comune di Milano si combatte sul fronte del BILANCIO e della TRASPARENZA.

I commenti sono chiusi per questo articolo.

Password dimenticata

Registrati