Responsive Ad Area

Condividi

Economia e Fisco / Semplificazione e Digitalizzazione

Fatturazione Elettronica PA – Di che cosa si tratta?

Fatturazione Elettronica PA – Di che cosa si tratta?
La fatturazione elettronica è divenuta obbligatoria il 6 giugno 2014. Infatti, da tale data risulta impossibile pagare fatture non pervenute in via elettronica. I Ministeri, gli enti di previdenza e l’assistenza sociale e le Agenzie fiscali hanno l’obbligo esclusivo di usarla. L’Agenzia delle Entrate è addetta alla gestione del Sistema di interscambio, che riceve le fatture e le destina alle Pubbliche Amministrazioni. Gli altri attori coinvolti nella Fatturazione Elettronica PA sono il Dipartimento Affari Generali del MEF, la Ragioneria Generale dello Stato e l’AGID, che provvede alla gestione dell’indice PA (IPA), utile all’emissione e trasmissione delle fatture elettroniche. Inoltre, l’AGID coordina i gruppi di lavoro con Unioncamere, le Associazioni di categoria e professionisti e Confindustria. La Fatturazione Elettronica consentirà enormi risparmi per lo Stato Italiano. Secondo stime ufficiose si prevede 1,6 miliardi di risparmi l’anno, con l’incremento di altri 5 miliardi se si riuscisse a dematerializzare l’intero ciclo, ossia dall’ordine fino al pagamento. Ulteriori vantaggi sono evidenziati per la Pubblica Amministrazione che per il cittadino. Nel primo caso, è stato possibile censire tutti gli uffici destinatari della fatturazione elettronica. Inoltre, sono state semplificate le procedure di acquisizione telematica delle fatture, con la disponibilità immediata, univoca e certa dei dati fiscali e contabili. Il cittadino e le aziende usufruiscono di un sistema semplificato di trasmissione delle fatture. In più, i tempi di effettuazione dei singoli passi richiesti dalla legge sono definitivi e non vengono messi in discussione.

Condividi

Password dimenticata

Registrati